Il Nido - La Gabbianella

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Nido

Nido

I servizi educativi per la prima infanzia costituiscono un sistema di opportunità educative che favoriscono lo sviluppo armonico dei bambini e delle bambine e contribuiscono a realizzare il loro diritto all’educazione attraverso la promozione dell’autonomia e dell’identità valorizzando le diversità individuali, culturali, assunte come valore della personalità dei bambini nelle sue componenti fisiche, affettive. Della comunicazione fra bambini e adulti per consentire il confronto costruttivo delle idee e dei pensieri. Al rispetto dei lavori di libertà, ugualianza, solidarietà, del rispetto delle diversità contro ogni forma di intolleranza o di discriminazione. Di processi educativi tesi a sviluppare le potenzialità innate in ciascun bambino rendendolo capace di esprimerle. Al nido accedono bambini di eta’ compresa tra i 3 e i 36 mesi ed è organizzato inun’unica sezione. L’attività del servizio di asilo nido si svolge all’interno del piano educativo 0-3 anni e contiene gli elementi della programmazione educativa generale.Il piano educativo ha caratteristiche di flessibilità, per garantire una maggiore rispondenza alle esigenze dei bambini e delle famiglie. Naturalmente un ruolo diprimo piano riveste,all’interno del nido,l’inserimento iniziale del bambino che, preceduto da un colloquio preliminare con i genitori, si svolge in maniera graduale con la presenza del genitore o di una persona di sua fiducia secondo modi e tempi da bambino a bambino. La giornata è scandita da “attività di routine” (pranzo, sonno, cambio) e da attivitàche si svolgono secondo tempi e spazi organizzati dalle educatrici per accogliere il sogno di intimità e di sicurezza dei bambini. L’iter programmato a inizio anno è totalmente fondato sulla flessibilità, sulle motivazioni e sugli interessi dei bambini che, se opportunamente guidati, scoprono il piacere di conoscere. In questo percorso va tenuto conto del vissuto educativo, del livello di età e delpercorso di nido assai differente dei bambini.Le esperienze offerte richiamano continuamente quattro ambiti educativi: Logico-cognitivo, didattico- operativo, socio-relazionale, psicomotorio, che permettono a tutti i bimbi di raggiungere una prima basilare acquisizione di autonomia fisica, psichica e sociale. Tra i bambini più piccoli e quelli più grandi si instaura solitamente una grande complicità, con continui confronti, occasioni di soccorso e di collaborazione attraverso i quali c’è il processo di costruzione delle conoscenze.Nell’organizzare le attività noi educatori riserviamo molta importanza alle ativitàgrafico-pittoriche, mediante l’utilizzo di strumenti diversi (pennelli, mani, piccole spugne...) che permetono una prima grossolana forma di composizione. I più grandi arrivano a riconoscere i colori primari e l’uso del colore nero. Riguardo l’acquisizione del linguaggio possiamo affermare che i bamibini già a 20 mesi di età possiedono nuove strutture linguistiche e diventano via via capaci di formulare semplici frasi. Grandi risultati si ottengono nell’ambito sonoro-musicale : i bambini diventano capacidi riconoscere e distinguere voci che parlano da quelle che cantano e la fonte che produce suoni diversi, animali, macchine, oggetti...La programmazione 2010/2011 verte sulla psicomotricità intesa come sviluppo delle capacità psicomotorie, nella consapevolezza che i bambini si identificano con il proprio corpo e non separano le attività fisiche da quelle del pensiero o dalle emozioni, qundi tali attività sono fondamentali per il loro sviluppo e per la loro intelligenza.”Fare aiuta il bambino a pensare” e a tal proposito non dimentichiamo di elencare il ruolo fondamentale riservato al gioco all’interno della struttura. Gioco come momento educativo, come scambio di relazioni psicologiche autentiche. Dal gioco liberosi passa a quello strutturato direttamente o indirettamente dagli educatori per concludere con situazioni di gioco create daglistessi bambini come fonte di conoscenza e di apprendimento, noncome semplice passatempo. Nel gioco educativo il bambino sviluppa l’intera personalità.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu